Archivio | Servizi pubblici RSS feed for this section

15 settembre 2011 – Primo sciopero dei sindaci italiani

14 Set

I TAGLI AI COMUNI SONO TAGLI AI TUOI DIRITTI

Carissimi cittadini,

oggi dirò al Prefetto e al Ministro dell’Interno che questo Comune non è più in grado di dare i servizi ai cittadini. Chiuderò simbolicamente l’ufficio Anagrafe e Stato civile.

Si tratta di una forma di protesta molto forte, contemporanea in tutti i Comuni italiani, alla quale siamo arrivati perché non siamo riusciti a far cambiare una manovra economica, necessaria ma sbagliata, nelle parti che riguardano le istituzioni territoriali.

Non vogliamo peggiorare la qualità della vostra vita, ma cercare di migliorare i servizi e le prestazioni in tutti i settori, difendendo i vostri diritti.

Oggi non è più possibile perché si preferisce togliere ai Comuni invece di andare a vedere dove le risorse si sprecano realmente.

Ogni anno i Comuni hanno portato soldi alle casse dello stato per un totale di oltre 3 miliardi di euro. Lo Stato continua a sprecare e noi siamo costretti ad aumentare le tasse o a chiudere i servizi.

Ho deciso di scrivervi per far conoscere a che punto siamo arrivati e perché ognuno di voi possa rendersi conto che la protesta che i Comuni e l’ANCI stanno facendo non è la protesta della “casta”, ma la protesta di chi lavora seriamente per rendere i nostri territori ed il nostro Paese sempre più solidi, competitivi e vivibili.

Sabrina Sergio Gori

Il Comune si fa carico delle molte proteste dei cittadini di Quarrata e invia a COPIT una richiesta ufficiale in cui si invita a risolvere i disservizi causati dai tagli al servizio di TPL

17 Mag

Il disagio maggiore si registra sulla linea 51, che garantisce il collegamento fra Quarrata e Firenze

 Dallo scorso 9 maggio, a seguito della riorganizzazione del servizio di TPL su tutta l’area provinciale, quasi tutte le linee che transitano sul territorio del Comune di Quarrata hanno subito modifiche, tagli o rimodulazioni.

A seguito di ciò, in questi giorni sono pervenute alla nostra Amministrazione numerosissime proteste di cittadini che segnalano come a seguito di questo riassetto, si sono verificati notevoli disagi specialmente per la Linea 51 che garantisce il collegamento fra Quarrata e Firenze.

La problematica maggiormente emersa è che per questa linea vengono utilizzati esclusivamente mezzi tipicamente “urbani” (gli autobus color arancio) benché il tragitto coperto sia essenzialmente extraurbano. Questi mezzi, progettati per tragitti brevi, risultano essere inadatti a un viaggio lungo come quello da Quarrata a Firenze che ha un tempo di percorrenza di circa un ora. Quasi tutti i passeggeri infatti sono costretti a rimanere in piedi per l’intero il tragitto, dato il limitato numero di posti a sedere, e anche quelli che trovano posto hanno non poche difficoltà causate dalle eccessive vibrazioni del mezzo e dall’impossibilità di poter appoggiare la testa durante il tragitto.

L’Amministrazione ha accolto totalmente le proteste presentate dai cittadini, per la maggior parte pendolari e persone anziane, e ha inviato proprio oggi una lettera indirizzata alla Provincia di Pistoia e alla Regione Toscana affinché intervengano presso l’Azienda erogatrice del servizi.

La richiesta di cui il nostro Comune si è fatto carico a nome di tutti i cittadini, è che per la linea 51 venga l’utilizzo dei vecchi autobus blu, più idonei per l’attività extraurbana, almeno limitatamente agli orari di maggior utenza.

Acquedotto: il punto sugli interventi

6 Mag

Ieri sera si è tenuta l’assemblea pubblica per fare il punto sugli interventi realizzati e quelli in programmazione per quanto riguarda le reti dell’acquedotto.

Negli ultimi anni gli interventi più rilevanti hanno riguardato l’estensione delle reti di acquedotto nella frazione di Santonuovo e delle reti di acquedotto e fognatura per Barba, Olmi e Ferruccia, oltre ad alcuni interventi di sostituzione delle vecchie reti e di posa delle reti dell’acquedotto in alcune vie o tratti di strada fino a quel momento non serviti (Via Case Magazzini, Via Bocca di Gora, Via Brana, Via Pontassio, etc…). Negli ultimi anni invece l’attenzione si è concentrata sul potenziamento delle risorse idriche nella zona collinare, già servita da tempo ma che nel periodo estivo andava a volte in crisi, lavoro già avviato ma ancora in fase di realizzazione, che verrà portato avanti anche nei prossimi anni attraverso il recupero di sorgenti locali.

Dal 2002 al 2010 gli investimenti complessivi di Publiacqua sul territorio di Quarrata sono stati pari a circa 9.500.000 di euro. La cartografia della rete idrica è disponibile anche on-line sul sito del Comune di Quarrata, sotto la voce Sistema Informativo Territoriale (SIT), piattaforma web in continuo aggiornamento.

Il programma degli interventi per i prossimi anni si concentrerà invece prioritariamente sulla realizzazione della cosiddetta “autostrada dell’acqua”, vale a dire il collegamento all’invaso di Bilancino. Questo consentirà al nostro territorio di essere sempre più garantito dal punto di vista della disponibilità di acqua, anche nei periodi estivi, oltre a poter contare su un’acqua di ottima qualità. Verranno poi realizzati ulteriori interventi puntuali, alcuni finanziati anche dall’amministrazione comunale. Per primo è previsto l’intervento su via Campriana, la cui rete negli ultimi tempi è soggetta a ripetuti interventi di manutenzione che impongono a questo punto la sostituzione delle reti. Verrà poi valutata la fattibilità anche per quel che riguarda via Castel dei Biagini e via Podere delle Lucciole, tra gli interventi che ancora restano e sono stati richiesti dai cittadini.

Per il periodo 2010-2021 Publiacqua ha previsto interventi su Quarrata per ulteriori 8.000.000 di euro, che vanno ad aggiungersi a quelli già spesi fin qui.

“In questi anni abbiamo dato risposte a tanti cittadini, e di questo sono soddisfatta, ricordo ancora le prime estati da sindaco, quando arrivavano in ufficio signore con bottiglie di acqua di un colore indefinibile.” – ha dichiarato il sindaco Sabrina Sergio Gori. “Va completato il lavoro intrapreso, in bilancio da vari anni sono stati messi denari per costruire reti dove non c’erano; adesso l’impegno in questa direzione continua, perchè l’acqua è un bene prezioso cui tutti hanno diritto.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: